venerdì 28 novembre 2014 Registrazione

TOLOMEI

Il PERIODO TOLEMAICO non è compreso nelle dinastie di Manetone.

Esso va dalla conquista di Alessandro il Grande (332 a. C.) alla sconfitta di Cleopatra e di  Marco Antonio da parte di  Ottaviano (Cesare Augusto) (30 a.C.).

La storia dell'Egitto di quegli anni si scontra con la nuova realtà emergente di Roma che alla fine conquistera' il paese ponendo definitivamente fine al regno faraonico e facendo dell'Egitto una provincia romana.

La dinastia principale, e di fatto unica del periodo, è quella dei TOLOMEI o dei LAGIDI.

L'epoca Tolemaica è, di solito,tralasciata dai testi di storia d'Egitto in quanto considerata un periodo ellenistico e Romano e non propriamente egiziano.

Eppure essa non è da trascurare: sotto il regno dei Lagidi, infatti l'Egitto conobbe, come si vedrà, una nuova struttura sociale ed economica.
I Lagidi, inoltre, ripresero la costruzione dei templi secondo le antiche tradizioni.  Molte di queste costruzioni, monumenti di indubbio valore, sono fortunatamente giunte fino a noi e sono ancora oggi visitate dai turisti: come ad esempio il tempio di EDFU, di ESNA , di FILE , di KOM OMBO.

La capitale dei Tolomei era la citta' di Alessandria la cui cultura era e rimase sempre ellenistica. ...

Sezione in aggiornamento


SEZIONE IN AGGIORNAMENTO
 
Presto saranno disponibili tutti i cartigli


AIUTACI ANCHE TU!
Il mantenimento di questo sito è possibile solo grazie al generoso contributo dei visitatori,
se ritieni il nostro lavoro utile e interessante aiutaci con una donazione oppure associati.
Aiutaci anche tu!
 

Informazioni sugli autori

I contenuti di questa sezione sono interamente realizzati da Mario Lauro (www.cartigli.it) con la collaborazione tecnica di Roberto,Liliana e Anna e dell'amico Graziano Berra.
I cartigli e i geroglifici sono stati disegnati utilizzando il programma Hieroglyphic Text Processing edito da Centre for Computer-aided Egyptological Research.
L'utilizzo delle immagini e delle informazioni è consentito solo per scopi personali.