mercoledì 22 ottobre 2014 Registrazione

DIVINE ADORATRICI DI AMON

La storia tardo egiziana, dopo il Nuovo regno, è caratterizzata dall'importanza acquistata da principesse di stirpe reale chiamate "SPOSA DEL DIO", "ADORATRICE DEL DIO", "DIVINA ADORATRICE DI AMON"  ( ).

Nei secoli precedenti, il titolo di 'Sposa del Dio' era riferito alla moglie del faraone ed aveva certamente un valore religioso che però, ad oggi, non è stato chiaramente spiegato.

A partire dalla XXI dinastia questo titolo venne attribuito ad una delle figlie del re che veniva consacrata al dio tebano con l'obbligo di rimanere nubile. Con l'avvento della dinastia nubiana (XXV dinastia) la Divina Adoratrice di Amon assunse un ruolo non solo religioso, ma anche politico che tendeva a limitare lo strapotere dei sacerdoti. Quindi per evitare che in questo ruolo potessero arrivare persone non gradite al sistema di potere del faraone si ricorse, per la trasmissione dell'incarico, al sistema dell'adozione del successore da parte della Sposa del dio in carica.

La Divina Adoratrice esercitava un grande potere, anche se limitato alla sola Tebe, ed aveva un rango paragonabile a quello del faraone. Essa aveva grandi ricchezze, controllava un grande numero di funzionari e poteva fare offerte agli dei, diritto fino ad allora riservato al solo faraone.

A significare l'importanza del ruolo il nome della divina adoratrice veniva anch'esso scritto in un cartiglio.Noi esamineremo i cartigli di Shepenupet I, Amenirdis I, Shepenupet II, Amenirdis II, Nitocris I, Ankhnesneferibra e Nitocris II.

Sezione in aggiornamento


SEZIONE IN AGGIORNAMENTO
 
Presto saranno disponibili tutti i cartigli


AIUTACI ANCHE TU!
Il mantenimento di questo sito è possibile solo grazie al generoso contributo dei visitatori,
se ritieni il nostro lavoro utile e interessante aiutaci con una donazione oppure associati.
Aiutaci anche tu!
 

Informazioni sugli autori

I contenuti di questa sezione sono interamente realizzati da Mario Lauro (www.cartigli.it) con la collaborazione tecnica di Roberto,Liliana e Anna e dell'amico Graziano Berra.
I cartigli e i geroglifici sono stati disegnati utilizzando il programma Hieroglyphic Text Processing edito da Centre for Computer-aided Egyptological Research.
L'utilizzo delle immagini e delle informazioni è consentito solo per scopi personali.