sabato 26 settembre 2020
StandardLiveID
Iscriviti gratis alla Newsletter sull'antico Egitto CLICCA QUI
Più di 80 ushabti trovati nella tomba di Djehuti a Dra Abu el Naga
Last Post 17 lug 2011 09:34 by saldiperi. 1 Replies.
Printer Friendly
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Sort:
PrevPrev NextNext
You are not authorized to post a reply.
Author Messages
SozzaniUser is Offline
Veteran Member
Veteran Member
Posts:3181


--
16 lug 2011 11:27
    saldiperiUser is Offline
    Veteran Member
    Veteran Member
    Posts:1764


    --
    17 lug 2011 09:34
    Una equipe diretta dall’egittologo del Consiglio Superiore di Ricerche Scientifiche, José Manuel Galán, ha rinvenuto nel sito di Luxor (Egitto) un deposito con più di 80 figurine di creta dipinte datate a 3000 anni fa. Vicino alle figure è stato trovato un cimitero animale di epoca greco-romana, con cento mummie di ibis e falchi. Il ricercatore ha presentato i principali ritrovamenti della decima campagna di scavo, nell’ambito del progetto Djehutyen, della necropoli Dra Abu il-Naga, lungo la sponda occidentale del Nilo, laddove sorgeva l’antica Tebe. Le statuine rinvenute, denominate shabtis, di circa 15 centimetri di lunghezza, appartengono probabilmente al corredo funerario di un sacerdote e avevano lo scopo di accompagnare il defunto nell’aldilà. Secondo Galán l’importanza della scoperta risiede soprattutto nel suo essere intatta, mai stata profanata dall’epoca antica.

    Gli scavi procedono con l’esplorazione dell’area dove si trovano le tombe di Djehuty e Hery, due alti dignitari della corte egiziana degli anni tra il 1.500 e 1450 a.C. Oltre ad aggiungere un altro tassello per ricomporre il mosaico della storia dell’Antico Egitto, il progetto si basa anche sul restauro delle tombe affinché siano aperte al pubblico il prima possibile. Nella campagna di scavi del 2011 è stata scoperta una galleria sotterranea con sei stanze che contengono numerose mummie di ibis, falchi ed altri animali, vicino alla tomba di Hery. Tra i ritrovamenti più importanti vanno menzionati la singolare “Tavola dell’apprendista”, resti di fiori utilizzati a scopo funerario risalenti a 1.000 anni fa e la tomba di Iqer, un arciere che visse 500 anni prima di Djehuty.

    Fonte:http://www.archeomolise.it/archeolo...uette.html

    Saluti
    Salvatore
    You are not authorized to post a reply.


    AIUTACI ANCHE TU!
    Il mantenimento di questo sito è possibile solo grazie al generoso contributo dei visitatori,
    se ritieni il nostro lavoro utile e interessante aiutaci con una donazione oppure associati.
    Aiutaci anche tu!